Archivio Notizie

13.11.2009
Dal 18 al 20 novembre degustazione delle eccellenze di Arezzo, Firenze, Grosseto e Siena alla Fiera Food & Hospitality China 2009, uno dei saloni internazionali dell’agroalimentare più importanti nel mondo per un mercato di dieci milioni di consumatori

I vini toscani sbarcano in Cina con l’Enoteca Italiana

Claudio Galletti, presidente: “Siamo ormai un punto di riferimento dell’eccellenza italiana in Asia grazie a YiShang, una struttura poli-funzionale nata nel centro di Shangai per affermare e diffondere la cultura enologica della nostra regione”

I vini toscani sbarcano in Cina con l’Enoteca Italiana. L’eccellenza toscana sarà protagonista alla Fiera Food & Hospitality China 2009, uno dei saloni internazionali dell’agroalimentare più importanti al mondo. Per tre giorni a Shangai, da mercoledì 18 a venerdì 20 novembre, circa una trentina di eccellenze di Arezzo, Firenze, Grosseto e Siena potranno essere degustate dal pubblico orientale sotto la sapiente guida dell’Ente Nazionale Vini. Lo stand dedicato alla Toscana sarà suddiviso tra Grosseto (Provincia), Siena (Camera di Commercio di Siena e Provincia), Arezzo (Provincia e Associazione e strade del vino di Arezzo), Firenze (Camera di Commercio di Firenze).

“Noi come Enoteca Italiana – afferma il presidente Claudio Galletti - siamo ormai un punto di riferimento dell’eccellenza italiana in Cina grazie a YiShang - La Casa del Vino Toscana, un’enoteca poli-funzionale nata nel cuore della super potenza d’Asia per affermare e diffondere la cultura enologica della nostra Regione”.
Il 18 novembre proprio la sede di YiShang, sancirà l’incontro tra i produttori toscani presenti alla fiera cinese e 50 importatori provenienti da diverse province della Cina. A fare gli onori di casa saranno Claudio Galletti e Fabio Carlesi, presidente e direttore dell’Enoteca Italiana che presenteranno agli ospiti la splendida struttura di 380 metri quadrati aperta nel centralissimo distretto di Luwan, a Shanghai.

Il mercato cinese rappresenta una grande opportunità per i vini toscani.
Il numero dei consumatori supera i 10 milioni e questa cifra tenderà ad aumentare. I prezzi si aggirano tra 2-3 euro per il vino cinese in bottiglia e 8-18 euro per i vini d’importazione. Questi ultimi hanno conquistato l’80% del mercato del vino a Shangai, città da sempre sensibile all’influenza di gusti e mode occidentali. Il consumatore tipo preferisce vini giovani, invitanti e di prezzo medio.
Dal 2003 al 2008 le esportazioni italiane sono passate da 400mila a 26 milioni di dollari. Una vera e propria esplosione se si considera che il principale canale di collocamento del prodotto è quello della ristorazione.
Secondo i dati dell'Ice il vino si consuma prevalentemente fuori casa, in occasioni di festeggiamenti e banchetti (per il capodanno cinese si registra un picco di vendite del 30%).

La scommessa per i produttori italiani è quella di inserirsi in un mercato in cui da anni è la Francia a farla da padrone, con 98 milioni di dollari di vendite realizzate nel 2007, anche grazie alla forte presenza delle catene di distribuzione francesi come Carrefour (250 punti vendita) e Auchan.



Altre notizie (2009):



Enoteca: Fortezza Medicea, Piazza Libertà 1, 53100 Siena ITALIA | Uffici: Via Camollia 72, 53100 Siena ITALIA Tel. +39 0577.228.811 | Fax. +39 0577.228.888 | info@enoteca-italiana.it | P.IVA 000 645 10522
Copyright © 2007 Enoteca Italiana - Tutti i diritti riservati